Montare Scarico Lavello Cucina

Montare Scarico Lavello Cucina montare scarico lavello cucina

Spazio2 consente di montare gli scarichi di un lavello a due vasche, ma è anche dotabile di un apposito collegamento per lavastoviglie o lavatrice. SCARICO A. Guida all'acquisto del lavello da cucina e consigli pratici su come effettuare ricordiamoci di ordinare un lavello con il bocchettone di scarico di viene mostrato, pezzo per pezzo, quali sono i pezzi che monta un lavello. Sgorgare il sifone di scarico del lavabo della cucina o del bagno: illustrazioni dei sistemi attuabili in fai da te, per liberare le tubazioni dalle. Data/ora pubblicazione: 10 lug Monta quindi la dotazione dello scarico e la valvola di scarico. Orienta l'apertura dell'alloggiamento del sifone verso la parete. Adatta e installa i supporti del sifone.

Nome: montare scarico lavello cucina
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file: 29.75 Megabytes

Il nostro personale specializzato del tuo centro OBI è a tua disposizione per suggerimenti e consigli. Ricordati: prima di iniziare il montaggio del lavandino svuota le tubature e chiudi il rubinetto centrale. Chiudi anche le valvole angolari sotto il lavandino. Infine, rimuovi gli allacciamenti ai rubinetti sotto il lavandino e smonta la rubinetteria.

Alternativa: puoi rimuovere la rubinetteria anche dopo avere staccato il lavandino.

Montare Scarico lavandino cucina

La maggior parte del lavoro deve essere svolta proprio qui; togli quindi tutto il materiale presente, in modo da avere più spazio per muoverti, per collocare un secchio e gli attrezzi. Lo spazio sotto il lavandino è piccolo e ristretto, con parecchi tubi e altri pericoli per gli occhi. Il lavoro è piuttosto impegnativo per le mani che si possono anche sporcare, vale quindi la pena indossare dei guanti.

L'elettricità e l'acqua non vanno d'accordo, è quindi una buona idea scollegare questo elettrodomestico quanto prima. Dovresti inoltre spegnere il circuito che lo alimenta; avvicinati alla scatola dei fusibili dell'abitazione e abbassa l'interruttore che controlla la presa del tritarifiuti. Sotto di esso dovrebbero esserci due valvole separate, una per l'acqua calda e una per quella fredda.

In certi casi, la valvola dell'acqua calda è di colore rosso, mentre quella per l'acqua fredda è blu, ma non è una regola sempre valida. A prescindere da questo, ruota entrambe le manopole in senso orario finché non sono completamente serrate.

Controlla ancora una volta che siano ben chiuse aprendo il rubinetto del lavello: all'inizio potrebbe uscire un po' d'acqua, ma alla fine il flusso dovrebbe interrompersi. Se l'acqua continua a uscire dal rubinetto, dovresti chiamare un idraulico per cambiare le valvole, oppure puoi farlo tu stesso, se hai una buona esperienza in questo campo. Se non vedi le valvole sotto il lavello, devi cercarle lungo l'impianto idraulico.

Segui il percorso dei tubi per quanto possibile, cercando i rubinetti che permettono di interrompere la fornitura d'acqua. Se non ci sono altre possibilità, chiudi la valvola generale dell'impianto di tutta l'abitazione o quella che si trova nell'alloggiamento del contatore.

Come sostituire il sifone del lavello

Questi elementi sono in genere flessibili, in plastica e collegano le valvole al lavandino grazie a dadi di metallo. Usa una chiave inglese regolabile, una pinza a pappagallo o una chiave a forchetta per allentare il dado presente, in base all'attrezzo che riesci a inserire con maggiore facilità.

Tieni il tubo fermo con una mano mentre sviti il dado con l'altra: in questo modo puoi mantenerlo verticale quando è completamente staccato. Nel condotto è presente un po' di acqua, tieni quindi un secchio a portata di mano per travasare il liquido. È una buona idea appoggiare degli asciugamani sulla base del mobiletto del lavello, per assorbire immediatamente ogni schizzo e ridurre i tempi della successiva fase di pulizia.

Se il punto di collegamento tra il lavello e i tubi è completamente inaccessibile, puoi staccare questi ultimi in prossimità delle valvole generali. Chiudi anche le valvole angolari sotto il lavandino. Infine, rimuovi gli allacciamenti ai rubinetti sotto il lavandino e smonta la rubinetteria.

Alternativa: puoi rimuovere la rubinetteria anche dopo avere staccato il lavandino.

Step 3 - Rimuovere il vecchio lavandino Rimuovi le viti di fissaggio presenti e asporta il lavandino. Lo scarico dovrà essere al centro dei fori successivi.

Fai uno schizzo per facilitarti il montaggio al muro. Se devi fare dei fori alle piastrelle ti consigliamo di applicare del nastro adesivo di carta in modo da impedire che il trapano scivoli via.

Impostazioni Timeline

Pratica i fori nei punti segnati utilizzando una punta da trapano per piastrelle. Non utilizzare assolutamente un trapano da percussione.

Dopo avere forato le piastrelle, utilizza nuovamente il trapano per forare la parete, facendo attenzione a non danneggiare le piastrelle. Applica in seguito nei fori della parete gli appositi tasselli e controlla la stabilità.

Lavatrice e lavastoviglie

Step 5 - Avvitare le viti prigioniere alla parete Avvita le nuove viti prigioniere con una chiave inglese o una pinza nei fori praticati finché la filettatura metrica sporge dal muro. Step 6 - Fissare la rubinetteria al lavandino Infila la nuova rubinetteria nei fori del nuovo lavandino e avvita da sotto.

Consiglio: inserisci i raccordi prima di procedere al montaggio del lavandino e non dimenticare di inserire tutte le guarnizioni. Per la rubinetteria, osservare sempre le indicazioni del produttore!

Sistemi di scarico per lavelli

Per il collegamento di un boiler elettrico è necessaria una batteria a bassa pressione con 3 tubi di collegamento.

Step 7 - Fissare il nuovo lavandino Aggancia il nuovo lavandino alla parte affiorante delle viti in modo che rimanga ben sostenuto. Per compensare eventuali dislivelli della parete ed evitare sollecitazioni di trazione applica una striscia di mastice di guarnizione sulla parte posteriore, ad es.

Esegui eventuali correzioni di posizione, in modo simmetrico e in modo da non formare pressione.